Non posso cambiare il fatto che i miei quadri non vendono. Ma verrà il giorno in cui la gente riconoscerà che valgono più del valore dei colori usati nel quadro. (Vincent Van Gogh)

 

L’arte è spesso un morbido ritrovo tra ordine e caos. 

Che noia l’ordine perfetto e non conquista. D’altra parte, il caos assoluto è misterioso al cervello (almeno al mio!) e non è invogliante. Avviarsi dall’ordine e dare vita a vuoti in equilibrio tra naturalità e difficoltà senza riversarsi nel disordine, ottengo un effetto sorprendente mi eccita, mi ricompensa e mi appaga.  

 

 


 

Le radici e i rami sono la stessa cosa. Le radici si aprono la strada nel terreno e allo stesso modo i rami si aprono una strada nel cielo. In ambedue i casi è un duro lavoro       

 

Pini sul Lago    Tecnica mista 


    

       Talamone dalle Querciolaie. Tempera su tela cm 50x40


 

Lago di Fogliano (Parco Nazionale del Circeo) olio su tela cm 35x25

 

 


 

Guardare è sempre una forma di esperienza, di apprendimento, così come la conoscenza esprime saper vedere tra le realtà oggettive nello spazio vuoto che scorre fra le cose.

 

 

     Colle di Lupo Maremma Toscana. Acrilico su cartone telato cm 30 x 21 2018 


 


 

 

Podere in Maremma Toscana. Acrilico su carta Japico cm 24 x 32

 

 


 

 

Monte Circeo. Tecnica mista su cartone telato



 

Il problema non è  il mio modo di esprimermi: lo faccio fin troppo. Si tratta piuttosto di procurarmi  degli spiragli di solitudine e di silenzio in cui troverò finalmente qualcosa di vero da dire.

Affinità 2017 tecnica mista cm 50 x 70


Nudo su Dondolo. Olio su legno, cm 40 x 40


Codice Rosso. Tecnica mista su carta, cm 32x24